NORMATIVA

LA CITES

La CITES (Convenzione di Washington sul commercio internazionale delle specie di fauna e flora minacciate di estinzione) è nata dalla necessità controllare il commercio degli animali e delle piante (vivi, morti o parti e prodotti derivati) minacciati di estinzione.
La Convenzione è entrata in vigore nel 1975 e vi aderiscono attualmente 175 Paesi.
In Italia è entrata in vigore nel 1980 e l'attuazione della CITES è affidata a diversi Ministeri:

  • Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare: è l’Autorità di Gestione CITES. Presso il Ministero dell’Ambiente opera la Commissione Scientifica, che decide in merito a richieste di certificazione e di movimentazione.
  • Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali: attraverso il servizio CITES del Corpo forestale dello Stato cura la gestione amministrativa ai fini della certificazione e del controllo tecnico-specialistico per il rispetto della Convenzione.
  • Ministero dello Sviluppo Economico: rilascia le licenze di importazione ed esportazione.

Torna a inizio pagina

LE APPENDICI ALLA CITES

Le specie animali e vegetali minacciate di estinzione sono state suddivise in base alla Convenzione in tre categorie ed elencate in tre "Appendici".

  • L'Appendice I include specie gravemente minacciate di estinzione per le quali è rigorosamente vietato il commercio.
  • L'Appendice II include specie il cui commercio è regolamentato per evitare uno sfruttamento incompatibile con la loro sopravvivenza.
  • L'Appendice III include specie protette da singoli Stati per regolamentare le esportazioni dai loro territori.
    Ogni specie può transitare, nel tempo, da un livello di protezione all'altro a seconda dei dati di incremento o decremento delle popolazioni, registrati dalle competenti Autorità scientifiche. La CITES non esclude che gli Stati Parte possano adottare misure di protezione più rigorose per la protezione delle specie già incluse nelle liste della Convenzione o di altre specie selvatiche.

Torna a inizio pagina

I REGOLAMENTI COMUNITARI

Dal 1° gennaio 1984 la Comunità Europea ha recepito la normativa CITES con Regolamenti che, per alcune specie, sono più restrittivi di quella CITES.
I Regolamenti attualmente in vigore sono:

  • Regolamento (CE) 338/1997 del 9 dicembre 2006 relativo alla protezione delle specie di flora e fauna selvatiche mediante il controllo del loro commercio
  • Regolamento (CE) 865/2006 del 4 maggio 2006 recante modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 338/97
  • Regolamento (CE) 100/2008 del 4 febbraio 2008 che modifica ed integra il Regolamento 865/2006
  • Regolamento (UE) 791/2012 della Commissione recante modifica del Regolamento (CE) 865/2006 relativo alle modalità di applicazione del Regolamento (CE) 338/97 del Consiglio
  • Regolamento di esecuzione (UE) 792/2012 che stabilisce norme sulla struttura delle licenze, certificati e degli altri documenti previsti dal Regolamento (CE) 338/97 del Consiglio e che modifica il Regolamento (CE) 865/2006 della Commissione
  • Regolamento (UE) 750/2013 della Commissione che modifica gli allegati del Regolamento del Consiglio 338/97
  • Regolamento di esecuzione (UE) 888/2014 della Commissione (che vieta l'introduzione nella Comunità di esemplari di talune specie di fauna e flora selvatiche)

Torna a inizio pagina

GLI ALLEGATI AI REGOLAMENTI COMUNITARI

Analogamente a quanto previsto dalla Convenzione di Washington, nei Regolamenti (CE) le specie da proteggere sono state suddivise, a seconda del grado di controllo e protezione che si vuole esercitare, in quattro Allegati:

  • Allegato A: comprende le specie che figurano nella Appendice I della Cites e alcune altre specie di Appendice II inserite secondo diversi criteri (ad esempio le Testudo autoctone)
  • Allegato B: comprende sostanzialmente le specie che figurano nell'Appendice II della Cites (salvo quelle incluse nell'Allegato A), le specie dell'Appendice I per le quali è stata avanzata una riserva, e altre specie per le quali si è stabilito che l'introduzione di esemplari vivi nell'ambiente naturale della Comunità possa costituire un pericolo ecologico per le analoghe specie indigene (ad esempio le Trachemys scripta elegans)
  • Allegato C: comprende le specie della Appendice III della Cites, diverse da quelle degli Allegati A e B, specie della Appendice II della Convenzione per le quali è stata avanzata una riserva
  • Allegato D: comprende alcune specie di cui la importanza del volume di importazioni comunitarie giustifica un controllo e specie della Appendice III della Convenzione per le quali è stata avanzata una riserva

Torna a inizio pagina

ELENCO DELLE SPECIE DI TARTARUGHE COMPRESE NEGLI ALLEGATI

(tra parentesi le Appendici della CITES in cui sono incluse)


Famiglia

Allegato A

Allegato B

Allegato C

Carettochelyidae

 

Carettochelys insculpta (II)

 

Chelidae

Pseudemydura umbrina (I)

Chelodina mccordi (II)

 

Cheloniidae 

Caretta caretta (I)
Chelonia mydas (I)
Chelonia agassizii (I)
Natator depressa (I)
Lepidocheys kempii (I)
Lepidocheys olivacea (I)
Eretmochelys imbricta (
I)

 

 

 Chelydridae

 

 

Macrochelys temminckii
(III Stati Uniti d'America)

Dermatemydidae

 

 Dermatemys mawii (II)

 

Dermochelyidae

Dermochelys coriacea (I)

 

 

Emydidae

Glyptemys muhlenbergii (I)
Terrapene coahuila (I) 

Chrysemys picta (II)
Celmmys guttata (II)
Emydoidea blandingii (II)
Glyptemys insculpta (II)
Malaclemys terrapin (II)
Terrapene carolina (II)
Terrapene nelsoni (II)
Terrapene ornata (II)
Trachemys scripta elegans

Graptemys ssp.
(III Stati Uniti d'America)

 Geoemydidae

Batagur affinis (I)
Batagur baska
(I)
Geoclemys hamiltonii (I)
Melanochelys tricarinata (I)
Morenia ocellata (I)
Pangshura tecta (I)

Batagur spp. (II) - escluse le
specie in allegato A
Cuora spp. (II)
Cyclemys spp. (II)
Geoemyda japonica (II)
Geoemyda spengleri (II)
Hardella thurjii (II)
Heosemys annandalii (II)
Heosemys depressa (II)
Heosemys grandis (II)
Heosemys spinosa (II)
Leucocephalon yuwonoi (II)
Malayemys macrocephala (II)
Malayemys subtrijuga (II)
Mauremys annamensis (II)
Mauremys japonica (II)
Mauremys mutica (II)
Mauremys nigricans (II)
Melanochelys trijuga (II)
Morenia petersi (II)
Notochelys platynota (II)
Orlitia borneensis (II)
Pangshura spp. (II) - escluse
le specie in allegato A
Sacalia bealei (II)
Sacalia quadriocellata (II)
Siebenrockiella crassicollis (II)
Siebenrockiella leytensis (II)
Vijayachelys silvatica (II)

Mauremys iversoni
(III Cina)
Mauremys megalocephala
(III Cina)
Mauremys pritchardi
(III Cina)
Mauremys reevesii
(III Cina)
Mauremys sinensis
(III Cina)
Ocadia glyphistoma
(III Cina)
Ocadia philippeni
(III Cina)
Sacalia pseudocellata
(III Cina)

Platysternidae

Platysternidae spp. (I)

 

 

Podocnemididae

  

Erymnochelys
madagascariensis (II)
Peltocephalus dumerilianus

(II)
Podocnemis spp. (II)

 

 Testudinidae

Astrochelys radiata (I)
Astrochelys yniphora (I)
Chelonoidis nigra (I)
Geochelone platynota (I)
Gopherus flavomarginatus (I)
Malacochersus tornieri (II)
Psammobates geometricus (I)
Pyxis arachnoides (I)
Pyxis planicauda (I)
Testudo graeca (II)
Testudo hermanni (II)

Testudo kleinmanni (I)
Testudo marginata (II)

Testudinidae spp. (II) -
escluse le specie in
allegato A)

 

 Trionychidae

Apalone spinifera atra (I)
Chitra chitra (I)
Chitra vandijki (I)
Nilssonia gangeticus (I)
Nilssonia hurum (I)
Nilssonia nigricans (I)

Amyda cartilaginea (II)
Chitra spp. (II) - escluse le
specie in allegato A
Dogania subplana (II)
Lissemys ceylonensis (II)
Lissemys punctata (II)
Lissemys scutata (II)
Nilssonia formosa (II)
Nilssonia leithii (II)
Palea steindachneri (II)
Pelochelys spp. (II)
Pelodiscus axenaria (II)
Pelodiscus maackii (II)
Pelodiscus parviformis (II)
Rafetus swinhoei (II)


Torna a inizio pagina

ELENCO DELLE SPECIE DI SAURI COMPRESE NEGLI ALLEGATI

(tra parentesi le Appendici della CITES in cui sono incluse)


Famiglia

Allegato A

Allegato B

Allegato C

Agamidae

 

Saara spp. (II)
Uromastyx spp. (II)

 

Chamaeleonidae

Brookesia perarmata (I)
Chamaeleo chamaeleon (II)

Archaius spp. (II)
Bradypodion spp. (II)
Brookesia spp. (II) - escluse le
specie in allegato A
Calumma spp. (II)
Chamaeleo spp. (II) - escluse le
specie in allegato A
Furcifer spp. (II)
Kinyongia spp. (II)
Nadzikambia spp. (II)
Trioceros spp. (II)

 

Cordylidae

 

Cordylus spp. (II)

 

Gekkonidae

Phelsuma guentheri (II)

Nactus serpensinsula (II)
Naultinus spp. (II)
Phelsuma spp. (II) - escluse le
specie in allegato A
Uroplatus spp. (II)

 

Helodermatidae

Heloderma horridum charlesbogerti (I)

Heloderma spp. (II) - escluse le specie in allegato A

 

Iguanidae

Brachylophus spp. (I)
Cyclura spp. (I)
Sauromalus varius (I)

Amblyrhynchus cristatus (II)
Conolophus spp. (II)
Ctenosaura bakeri (II)
Ctenosaura oedirhina (II)
Ctenosaura melanosterna (II)
Ctenosaura palearis (II)
Iguana spp. (II)
Phrynosoma blainvillii (II)
Phrynosoma cerroense (II)
Phrynosoma coronatum (II)
Phrynosoma wigginsi (II)

 

Lacertidae

Gallotia simonyi (I)
Podarcis lilfordi (II)
Podarcis pityusensis (II)

 

 

Scincidae

 

Corucia zebrata (II)


Teiidae

 

Crocodilurus amazonicus (II)
Dracaena spp. (II)
Tupinambis spp.(II)

 

Varanidae

Varanus bengalensis (I)
Varanus flavescens (I)
Varanus griseus (I)
Varanus komodoensis (I)
Varanus nebulosus (I)
Varanus olivaceus (II)

Varanus spp. (II) - escluse le specie in allegato A

 

Xenosauridae

 

Shinisaurus crocodilurus (II)

 

Torna a inizio pagina

ELENCO DELLE SPECIE DI SERPENTI COMPRESE NEGLI ALLEGATI

(tra parentesi le Appendici della CITES in cui sono incluse)


Famiglia

Allegato A

Allegato B

Allegato C

Boidae

Acrantophis spp. (I)
Boa constrictor occidentalis (I)
Epicrates inornatus (I)
Epicrates monensis (I)
Epicrates subflavus (I)
Eryx jaculus (II)
Sanzinia madagascariensis (I)

Boidae spp. (II) - escluse le specie in’allegato A)

 

Bolyeriidae

Bolyeria multocarinata (I)
Casarea dussumieri (I)

Bolyeriidae spp. (II) - escluse le specie in’allegato A

 

Colubridae

 

Clelia clelia (II)
Cyclagras gigas (II)
Elachistodon westermanni (II)
Ptyas mucosus (II)

Atretium schistosum (III India)
Cerberus rynchops (III India)
Xenochrophis piscator (III India)

Elapidae

 

Hoplocephalus bungaroides (II)
Naja atra (II)
Naja kaouthia (II)
Naja mandalayensis (II)
Naja naja (II)
Naja oxiana (II)
Naja philippinensis (II)
Naja sagittifera (II)
Naja samarensis (II)
Naja siamensis (II)
Naja sputatrix (II)
Naja sumatrana (II)
Ophiophagus hannah (II)

Micrurus diastema (III Honduras)
Micrurus nigrocinctus (III Honduras)

Loxocemidae

 

Loxocemidae spp. (II)

 

Pythonidae

Python molurus molurus (I)

Pythonidae spp. (II) ) - escluse le specie in’allegato A

 

Tropidophiidae

 

Tropidophiidae spp. (II)

 

Viperidae

Vipera latifii
Vipera ursinii (I) - solo la popolazione dell’Europa,
ad eccezione dei territori che in passato costi­
tuivano l’URSS

Crotalus durissus unicolor
Trimeresurus mangshanensis (II)
Vipera wagneri (II)

Crotalus durissus (III Honduras)
Daboia russelii (III India)

Torna a inizio pagina

ELENCO DELLE SPECIE DI ANFIBI COMPRESE NEGLI ALLEGATI

(tra parentesi le Appendici della CITES in cui sono incluse)

ANURA

Famiglia

Allegato A

Allegato B

Allegato C

Aromobatidae

 

Allobates femoralis (II)
Allobates hodli (II)
Allobates myersi (II)
Allobates rufulus (II)
Allobates zaparo (II)

 

Bufonidae

Altiphrynoides spp. (I)
Amietophrynus superciliaris (I)
Atelopus zeteki (I)
Incilius periglenes (I)
Nectophrynoides spp. (I)
Nimbaphrynoides spp. (I)

 

 

Calyptocephalellidae

   

Calyptocephalella gayi (III Cile)

Conrauidae

 

Conraua goliath

 

Dendrobatidae

 
Adelphobates spp. (II)
Ameerega spp. (II)
Andinobates spp. (II)
Dendrobates spp. (II) Epipedobates spp. (II)
Excidobates spp. (II)
Hyloxalus azureiventris (II)
Minyobates spp. (II)
Oophaga spp. (II)
Phyllobates spp. (II)
Ranitomeya spp. (II)

 

Dicroglossidae

 
Euphlyctis hexadactylus (II)
Hoplobatrachus tigerinus (II)

 

Hylidae

Agalychnis spp. (II)

 

Mantellidae

Mantella spp. (II)

 

Microhylidae

Dyscophus antongilii (I)
Scaphiophryne gottlebei (II)

 

Ranidae

 

Lithobates catesbeianus

 

CAUDATA

Famiglia

Allegato A

Allegato B

Allegato C

Ambystomatidae

 

Ambystoma dumerilii (II)
Ambystoma mexicanum (II)

 

Cryptobranchidae

Andrias spp. (I)

 

Cryptobranchus alleganiensis (III Stati
Uniti d’America)

Hynobiidae

   

Hynobius amjiensis (III China)

Salamandridae

Neurergus kaiseri (I)

Torna a inizio pagina

ELENCO DELLE SPECIE DI ARTROPODI COMPRESE NEGLI ALLEGATI

(tra parentesi le Appendici della CITES in cui sono incluse)

ARACHNIDA

Famiglia

Allegato A

Allegato B

Allegato C

Theraphosidae

 

Aphonopelma albiceps (II)
Aphonopelma pallidum (II)
Brachypelma spp. (II)

 

Scorpionidae

 

Pandinus dictator (II)
Pandinus gambiensis (II)
Pandinus imperator (II)

 

INSECTA

Famiglia

Allegato A

Allegato B

Allegato C

Lucanidae

   

Colophon spp. (III Sudafrica)

Scarabaeidae

 

Dynastes satanas (II)

 

Nymphalidae

 

Agrias amydon boliviensis (III Bolivia)
Morpho godartii lachaumei (III Bolivia)
Prepona praeneste buckleyana (III Bolivia)

 

Papilionidae

Ornithoptera alexandrae (I)
Papilio chikae (I)
Papilio homerus (I)
Papilio hospiton (II)
Parnassius apollo (II)

Atrophaneura jophon (II)
Atrophaneura palu
Atrophaneura pandiyana
(II)
Bhutanitis spp. (II)
Graphium sandawanum
Graphium stresemanni
Ornithopter
a spp. (II) - escluse le specie in’allegato A
Papilio benguetanus
Papilio esperanza
Papilio morondavana
Papilio neumoegeni
Parides ascanius
Parides hahneli
Teinopalpus
spp. (II)
Trogonoptera spp. (II)
Troides spp. (II)
 

Torna a inizio pagina

SANZIONI

Le violazioni alle disposizioni della Convenzione e del Regolamento (CE) n. 338 del 1997 sono punite con le sanzioni previste dalla legge 150/92 integrata e modificata dalla legge 59/93 e dal D. lgs. 275/01 che, oltre a prevedere specifiche sanzioni per i reati di violazione della normativa CITES, indica precise misure per regolamentare la detenzione ed il commercio delle specie.
In base a questa legge, è vietato importare, esportare o riesportare, vendere, esporre e detenere esemplari vivi, morti nonché loro parti e prodotti derivati dalle specie iscritte all'Appendice I e delle specie iscritte alla Appendice II e Appendice III che siano sprovviste di regolari permessi.
La legge 150/92 configura l'inosservanza dei sopraelencati divieti come reati e li penalizza con l'arresto o l'ammenda e, sempre, con la confisca degli esemplari o dei prodotti. L'art.8 affida al Corpo forestale dello Stato la sorveglianza sull'applicazione della normativa che viene effettuata dai Nuclei Operativi istituiti presso le dogane abilitate ed i Servizi CITES Territoriali.
Solo per gli oggetti che siano effetti personali sono previste specifiche deroghe e sanzioni.
Sono punite con sanzioni le violazioni che riguardino sia gli esemplari vivi che le loro parti o prodotti derivati

Torna a inizio pagina

MODULISTICA

relativa alle specie incluse in Allegato A

Dal 16/06/08 il Ministero dell'Ambiente ha deciso di applicare integralmente il Reg. (CE) 338/97 e il Reg. (CE) 865/06. Per effetto di tale decisione, sono state annullate le deroghe che permettevano alcune facilitazioni per le denunce di nascita e di morte, le cessioni gratuite e gli spostamenti di alcune specie in Appendice II, Allegato A, comprese le Testudo hermanni, le Testudo marginata e le Testudo graeca.

Di seguito si allegano i moduli da utilizzare per le pratiche relative alle specie in Allegato A.

Denuncia di nascita in cattività (MODELLO SCT1/A)

Richiesta di Movimentazione (MODELLO SCT3)

Dichiarazione di spostamento temporaneo (MODELLO SCT4))

Dichiarazione di decesso (MODELLO SCT5)

Richiesta di certificazione (MODELLO SCT2)
Istruzioni per la richiesta di certificazione

Scheda informativa per la richiesta di certificazione (MODELLO SCT2)

Linee guida dettagliate per il mantenimento in cattività delle tartarughe terrestri del genere Testudo
Linee guida sintetiche per il mantenimento in cattività delle testuggini (Testudo spp.)

Torna a inizio pagina

MODULISTICA

relativa alle specie incluse in Allegato B

Denuncia di nascita in cattività (MODELLO SCT1/B)

Scheda informativa/dichiaratica animali Allegato B nati in cattività (MODELLO SCT2/B)

Torna a inizio pagina

LA CONVENZIONE DI BERNA

La Convenzione relativa alla conservazione della vita selvatica dell'ambiente naturale in Europa, firmata a Berna il 19/11/79, è stata ratificata in Italia con legge n. 503 del 05/08/81.
Le stati aderenti riconoscono che flora e fauna selvatiche costituiscono un patrimonio naturale che va preservato e trasmesso alle generazioni future e svolgono un ruolo fondamentale per il mantenimento degli equilibri.

L'Allegato II elenca le specie di fauna selvatica che sono anche oggetto di disposizioni legislative o regolamentari opportune per assicurare la loro conservazione. Per queste specie è vietato:

  • qualsiasi forma di cattura, di detenzione o di uccisione intenzionali;
  • il deterioramento o la distruzione intenzionali dei siti di riproduzione o di riposo;
  • il molestare intenzionalmente la fauna selvatica, specie nel periodo della riproduzione, dell'allevamento e dell'ibernazione;
  • la distruzione o la raccolta intenzionale di uova dall'ambiente naturale o la loro detenzione;
  • la detenzione ed il commercio interno di tali animali, vivi o morti, come pure imbalsamati, nonché di parti o prodotti ottenuti dall'animale.

Sono in allegato II le seguenti specie:

RETTILI

TESTUDINES
Cheloniidae: Caretta caretta, Chelonia mydas, Eretmochelys imbricata, Lepidochelys kempii
Dermochelyidae: Dermochelys coriacea
Emydidae: Emys orbicularis, Mauremys caspica, Mauremys leprosa
Testudinidae: Testudo graeca, Testudo hermanni, Testudo marginata
Trionychidae: Rafetus euphraticus, Trionyx triunguis

SAURIA
Gekkonidae: Cyrtodactylus kotschyi, Tarentola angustimentalis, Tarentola boettgeri, Tarentola delalandii, Tarentola gomerensis, Phyllodactylus europaeus
Agamidae: Agama stellio
Chamaeleontidae: Chamaeleo chamaeleon
Lacertidae: Algyroides fitzingeri, Algyroides marchi, Algyroides moreoticus, Algyroides nigropunctatus, Lacerta bedriagae, Lacerta monticola, Gallotia galloti, Lacerta simonyi, Gallotia stehlini, Lacerta agilis, Lacerta clarkorum, Lacerta dugesii, Lacerta graeca, Lacerta horvathi, Lacerta lepida, Lacerta parva, Lacerta princeps, Lacerta schreiberi, Lacerta trilineata, Lacerta viridis, Ophisops elegans, Podarcis erhardii, Podarcis filfolensis, Podarcis lilfordi, Podarcis melisellensis, Podarcis milensis, Podarcis muralis, Podarcis peloponnesiaca, Podarcis pityusensis, Podarcis sicula, Podarcis taurica, Podarcis tiliguerta, Podarcis wagleriana
Anguidae: Ophisaurus apodus
Scincidae: Ablepharus kitaibelii, Chalcides bedriagai, Chalcides ocellatus, Chalcides sexlineatus, Chalcides occidentalis, Chalcides viridianus, Ophiomorus punctatissimus

OPHIDIA

Colubridae: Coluber cypriensis, Coluber gemonensis, Coluber hippocrepis, Coluber jugularis, Coluber caspius, Coluber najadum, Coluber rubriceps,, Coronella austriaca, Elaphe longissima, Elaphe quatuorlineata, Elaphe situla, Natrix megalocephala, Natrix tessellata, Telescopus fallax
Viperidae: Vipera albizona, Vipera ammodytes, Vipera barani, Vipera kaznakovi, Vipera latasti, Vipera lebetina, Vipera schweizeri, Vipera pontica, Vipera ursinii, Vipera wagneri, Vipera xanthina

ANFIBI

CAUDATA
Salamandridae: Chioglossa lusitanica, Euproctus asper, Euproctus montanus
Euproctus platycephalus, Salamandra luschani, Salamandra atra, Salamandra lanzai,  Salamandrina terdigitata, Triturus carnifex, Triturus cristatus, Triturus dobrogicus, Triturus italicus, Triturus karelinii, Triturus montandoni
Plethodontidae: Hydromantes flavus, Hydromantes genei, Hydromantes imperialis, Hydromantes italicus, Hydromantes supramontis),
Proteidae: Proteus anguinus

ANURA
Discoglossidae: Alytes cisternasii, Alytes muletensis, Alytes obstetricans, Bombina bombina, Bombina variegata, Discoglossus galganoi, Discoglossus jeanneae, Discoglossus montalentii, Discoglossus pictus, Discoglossus sardus, Neurergus crocatus, Neurergus strauchi
Pelobatidae: Pelobates cultripes, Pelobates fuscus, Pelobates syriacus, Pelodytes caucasicus
Bufonidae: Bufo calamita, Bufo viridis
Hylidae: Hyla arborea, Hyla meridionalis, Hyla sarda
Ranidae: Rana arvalis, Rana dalmatina, Rana holtzi, Rana iberica, Rana italica, Rana latastei

ARTROPODI

INSECTA
Mantodea: Apteromantis aptera
Ephemenoptera: Palingenia longicauda
Odonata: Aeshna viridis, Brachythemis fuscopalliata, Calopteryx syriaca, Coenagrion freyi, Coenagrion mercuriale, Cordulegaster trinacriae, Gomphus graslinii, Leucorrhinia albifrons, Leucorrhinia caudalis, Leucorrhinia pectoralis, Lindenia tetraphylla, Macromia splendens, Ophiogomphus cecilia, Oxygastra curtisii, Stylurus (= Gomphus) flavipes, Sympecma braueri
Orthoptera: Baetica ustulata, Saga pedo
Coleoptera: Buprestis splendens, Carabus bessarabicus, Carabus hungaricus, Carabus olympiae, Cerambyx cerdo, Cucujus cinnaberinus, Dytiscus latissimus, Graphoderus bilineatus, Osmoderma eremita, Rosalia alpina
Lepidoptera: Apatura metis, Coenonympha hero, Coenonympha oedippus, Erebia calcaria, Erebia christi, Erebia sudetica, Eriogaster catax, Euphydryas (Eurodryas) aurinia, Fabriciana elisa, Hyles hippophaes, Hypodryas maturna, Lopinga achine, Lycaena dispar, Maculinea arion, Maculinea nausithous, Maculinea teleius, Melanargia arge, Papilio alexanor, Papilio hospiton, Parnassius apollo, Parnassius mnemosyne, Plebicula golgus, Polyommatus galloi, Polyommatus humedasae, Proserpinus prosperpina, Zerynthia polyxena

ARACHNIDA
Araneae: Macrothele calpeiana

CRUSTACEA
Decapoda: Ocypode cursor (Med.); Pachyplasma giganteum (Med.)

Le specie di fauna selvatica comprese nell'Allegato III devono essere oggetto di regolamentazione al fine di non compromettere la sopravvivenza di tali specie (divieto temporaneo o locale di sfruttamento, regolamentazione del trasporto o della vendita, ecc.).
Sono in Allegato III tutte le specie di rettili e anfibi non comprese nell’Allegato II e i seguenti artropodi:

INSECTA
Coleoptera: Lucanus cervus
Lepidoptera: Graellsia isabellae

CRUSTACEA
Decapoda: Astacus astacus, Austropotamobius pallipes, Austropotamobius torrentium, Homarus gammarus (Med.), Maja squinado (Med.), Palinurus elephas (Med.), Scyllarides latus (Med.), Scyllarides pigmaeus (Med.), Scyllarides arctus (Med.)

Torna a inizio pagina

LA DIRETTIVA HABITAT

La Direttiva del Consiglio del 21 maggio 1992 Conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna selvatiche detta Direttiva "Habitat", e la Direttiva Uccelli costituiscono il cuore della politica comunitaria in materia di conservazione della biodiversità e sono la base legale su cui si fonda Natura 2000.

Scopo della Direttiva Habitat è "salvaguardare la biodiversità mediante la conservazione degli habitat naturali, nonché della flora e della fauna selvatiche nel territorio europeo degli Stati membri al quale si applica il trattato" (art 2). Per il raggiungimento di questo obiettivo la Direttiva stabilisce misure volte ad assicurare il mantenimento o il ripristino, in uno stato di conservazione soddisfacente, degli habitat e delle specie di interesse comunitario elencati nei suoi allegati.

La Direttiva stabilisce norme per la gestione dei siti Natura 2000 e la valutazione d'incidenza (art 6), il finanziamento (art 8), il monitoraggio e l'elaborazione di rapporti nazionali sull'attuazione delle disposizioni della Direttiva (articoli 11 e 17), e il rilascio di eventuali deroghe (art. 16). Riconosce inoltre l'importanza degli elementi del paesaggio che svolgono un ruolo di connessione ecologica per la flora e la fauna selvatiche (art. 10).

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

FONTI: 
http://www.corpoforestale.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/41
http://www3.corpoforestale.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/370
http://www.minambiente.it/pagina/convenzione-di-berna
http://www.minambiente.it/pagina/direttiva-habitat

Torna a inizio pagina

pulsante forum

Iscrivendoti al Forum potrai incontrare tanti altri appassionati di rettili, discutere con loro, condividere esperienze e chiedere consigli.

Clicca sul pulsante per accedere al forum